analisi delle isobare venerdi/sabato

Home Forum Awiv Gli altri spot Lago Santa Croce – Lago Morto analisi delle isobare venerdi/sabato

Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 32 totali)
  • Autore
    Post
  • #4265
    guelfo
    Partecipante
    • Disciplina preferita:

      si sonico mi sono divertito un sacco

      luke poi si è proprio appiccicato al vischio

      che ho sparso a piene mani…

      ahem……oggi non so quante isobar o quanti spritz vi farete…

      so solo che c'è sole in montagna e un nebbione qui in pianura…….

      chi ha la 4,2 se porti su…

      non voglio vedere altri commenti…hi ih hi …

      ciao fioi.

      #4310
      sonico
      Partecipante
      • Disciplina preferita:

        so solo che c'è sole in montagna e un nebbione qui in pianura…….

        Analizziamo questa zizza-affermazione.

        Immaginate una musichetta tipo QUARK.

        Premessa: il vento termico è originato da una differenza di temperatura tra l'aria in quota e l'aria in pianura.

        La presenza di nebbia indica che la temperatura dell'aria in pianura è al di sotto del cosiddetto "dew point", ovvero la temperatura alla quale una determinata concentrazione di vapore acqueo condensa. L'umidità contenuta nell'aria si "aggrega" sotto forma di minuscole goccioline.

        Il sole fornisce calore che raggiunge la terra e scalda l'aria a contatto col suolo (questo è il principale meccanismo di riscaldamento, esiste poi anche il riscaldamento per irraggiamento, ma è una piccola percentuale rispetto al riscaldamento per contatto col suolo).
        Si verificano ora queste concomitanze:
        – in montagna la nebbia NON si forma, a causa del ridotto contenuto di vapore aqueo e l'aria rimane tersa, permettendo un notevole riscaldamento dell'aria.
        – in pianura, a causa della ridotta trasparenza dell'aria (c'e' la nebbia) il suolo si riscalda di meno
        – in pianura, il calore che raggiunge il suolo, anzichè provocare un aumento di temperatura, provoca l'evaporazione delle goccioline di nebbia, che passano dallo stato liquido allo stato gassoso (vapore acqueo). L'energia fornita viene immagazzinata sotto forma di calore latente e la temperatura dell'aria rimane costante fino a che tutta l'acqua non è evaporata.

        Il risultato di questi fenomeni è una notevole differenza di temperatura tra l'aria in montagna e l'aria in pianura e rende giustificazione della notevole intensità del vento che si genera in queste occasioni.

        Zizza: pppprrrrrrrrrrrrrr!

        #4313
        Julien
        Partecipante
        • Disciplina preferita:

          AZZ sonico tanto di cappello altro che quark,quì sembra di essser alla NASA.
          Ma scusa,e il vento da Nord (peler o morto che sia) come si genera?

          #4315
          silvia
          Partecipante
          • Disciplina preferita:

            Caspita Sonico!!! hai dato una spiegazione semplice di un concetto difficile.. complimenti! Continua così, così mi istruisco un po' in materia.
            sai che hai la mia disponibilità per i rilevamenti in loco.

            #4318
            lukeskywalker
            Partecipante
            • Disciplina preferita:

              ………..ehhhhhhhhhhmmmmmmmmmmm, avevate qualche dubbio su una beautifull mind??? ora ve lo siete tolto!!!!! questo e' il nostro sonico!!!!!!
              aloha luke

              #4319
              guelfo
              Partecipante
              • Disciplina preferita:

                tutte cose sbagliate e ve lo domostrerò….ma sesiete così sicuri allora non prenderete piu' giornate di piatta…

                meditate e ridiamo su cio' che scriviamo…era questo il mio messaggio….non si e' ancora capito….

                zizza from venus.

                #4324
                sonico
                Partecipante
                • Disciplina preferita:

                  Non è questo lo spirito, Zizza, stà sicuro che se ne ho la possibilità, vado al lago anche senza isobare e senza il sole, anzi, più di qualche volta ci siamo ritrovati li in 4 gatti sotto la pioggia…sapendo che avrebbe piovuto, ma il richiamo era più forte del buon senso! (forse la voglia di passare 4 ore tra gli amici?)
                  E magari poi ha fatto vento! e allora? Quante volte è successo? 1 volta forse due in un anno? Questo non vuol dire che le regole sono sbagliate, vuol solo dire che non conosciamo TUTTE le regole. Quando si cerca di capire un fenomeno, si parte sempre da una semplificazione, poi si inseriscono via via i fattori che erano stati in prima analisi esclusi, ma ne rimarranno sempre altri da scoprire. E poi rimane sempre quella parte di incertezza dovuta al caso, una specie di "rumore" di fondo, impossibile da valutare. E' per questo che chi fa previsioni parla sempre di probabilità. Questo è vero per tutte le discipline, la meteorologia, l'elettronica, le comunicazioni, l'economia ecc.
                  Prevedere il vento al lago rimarrà una cosa impossibile per noi, ma non puoi negare che con l'esperienza hai anche tu individuato alcuni criteri di massima che ti fanno pensare e scrivere determinate cose. Se poi canniamo, è solo perchè sono intervenuti altri fattori che non abbiamo valutato perchè non conosciamo il fenomeno nella sua completezza ma solo alcuni suoi aspetti. Valutare le isobare mi è sembrato un qualcosa in più rispetto al passato e di questo devo dare il merito al buon LUKEFINDER!
                  Magari tra 10 anni viene fuori un altro LUKEFINDER che trova qualche altro indicatore, e allora? Stà sicuro che al Lago ci andranno comunque.
                  Non ho più guardato ilmeteo.it quindi se mi dici che avevano tolto le isobare ci credo, ma a quel punto non credo a ilmeteo.it. Le condizioni erano stabili, non c'era nessun motivo per un cambiamento così repentino. Alle volte alche loro possono sbagliare! 😉
                  E siccome sai benissimo che stiamo giocando, e siccome sei Zizza, in realtà stai anche tu giocando con noi, e questo noi lo sappiamo!

                  #4325
                  guelfo
                  Partecipante
                  • Disciplina preferita:

                    BRAVO è quel che ho pensato anch'io

                    e come quando vado a fare gli esami del sangue talvolta ho seri dubbi che non sbagliano qualcosa pure li' sapessi quanti dubbi che ho al riguardo….ti diro' se c'è una giornata di sole e andiamo al s.croce….è un buon parametro poi ho scoperto che non è così e ci vado li stes……..

                    un abbraccio

                    #4328
                    Alberto
                    Partecipante
                    • Disciplina preferita:

                      caro zizza gli esami del sangue non possono essere mai errati (ormai vengono processati elettronicamente) sono le diagnosi dei medici che spesso sono cannate oppure qualcuno che magari quel giorno pensa ad una gnocca conosciuta la sera prima inverte le provette. il che vuol dire che l'uomo interpreta secondo il proprio punto di vista che spesso non è obiettivo e prevede secondo la propria visione e spesso pure sbaglia. io mi sforzo di vedere le cose da prospettive diverse anche se spesso scomode a noi stessi e questo aiuta in genere nella vita

                      #4329
                      alessandro57
                      Partecipante
                      • Disciplina preferita:

                        … a me ste isobarre cominciano a mettermi paura, Sonico ne vede tante… Luke dice che si possono infilare dapertutto specialmente quando c'è Zizza nei paraggi… Io da canto mio aspetterò che scompaiano del tutto o che almeno diventino un pò più sottili….

                        #4330
                        guelfo
                        Partecipante
                        • Disciplina preferita:

                          [quote1236111004=Sonico]

                          so solo che c'è sole in montagna e un nebbione qui in pianura…….

                          – in montagna la nebbia NON si forma, a causa del ridotto contenuto di vapore aqueo e l'aria rimane tersa, permettendo un notevole riscaldamento dell'aria.
                          [/quote1236111004]

                          sonico resto comunque perplesso

                          già nel titolo di questo trhead c'è la contraddizione parliamo di due aspetti\causali
                          dell'origine del vento.

                          qua dobbiamo decidere se a santa croce abbiamo un vento temico..di perturbazione o entrambi…
                          ed io propendo per l'ultima ipotesi…

                          ma sul fatto che non ci sia vapore acqueo in montagna
                          qui bernacca si solleva dal sudario…e
                          infatti suda freddo………….

                          secondo te di cosa sono fatte le nuvole alte e basse che….si abbarbicano alle vette tutt'intorno?
                          se mi rispondi "elio"
                          allora hai preso troppi spritz….he si mi sa che è vapore acqueo
                          ora ti dò un'indizio……perchè forse sembra che ne so poco….

                          ma pensa a cosa accade nei "cambi di stato" e sul delta energetico che c'è in gioco.

                          per ora non svelo altre carte. una bacio doce ingegnere, ah ottima nevicata giovedi' sera…

                          grazie luke………

                          @ alberto esatto pensavo proprio lo scambio di provette..

                          #4331
                          sonico
                          Partecipante
                          • Disciplina preferita:

                            La frase era riferita alla condizione di SABATO e a quella temperatura/pressione/umidità. Hai forse visto nebbia o nuvole dal Nevegal? Se rispondi si, allora gli spritz li hai bevuti tu per colazione… 😉

                            Il vento si origina a causa di differenze di pressione, causate da differenze di temperature o differenze di densità dell'aria.
                            In quota il vento si genera in base alla disposizione delle isobare e viene detto vento geostrofico. Più in basso, l'intensità e la direzione cambiano a causa della forza di Coriolis (è la forza apparente dovuta alla rotazione terrestre), della forza centrifuga (se il vento si muove lungo una traiettoria curva) e dell'attrito con il terreno: quello che scorre nei primi 3-4.000 metri viene detto vento sinottico. Più in basso ancora, vicino al mare e tra le valli, si generano anche le brezze (perchè qui l'aria si scalda o si raffredda per contatto col suolo). Quindi l'intensità e la direzione del vento risultante sono estremamente dipendenti da fenomeni locali e dalla conformazione del suolo e dei rilievi.

                            Le isobare ci danno una fotografia di come è distribuita la pressione, purtroppo su scala medio-grande. Non sono così dettagliate per arrivare a spiegare anche i fenomeni locali come le correnti termiche che interessano a noi, ma danno comunque una indicazione parziale delle condizioni di "fondo" sulle quali poi si andrà a sovrapporre il vento termico, che potrà formarsi benissimo anche se "non ci sono isobare" semplicemente perchè il dettaglio delle mappe non è sufficientemente accurato. Ad esempio, la presenza di 4 isobare (quindi 4 hPa) su una distanza di 100Km, origina un vento (geostrofico) di circa 20 nodi, che si riduce (a causa dell'attrito) a soli 6 nodi sul terreno o 12 nodi sul mare (vento sinottico). A quel vento devi poi sommare i venti locali termici (le brezze): in funzione delle reciproche direzioni, il vento sinottico ed il vento termico possono rafforzarsi, indebolirsi o comunque combinarsi tra loro.
                            Nel caso del Lago poi, entra in gioco anche la particolare conformazione dei rilievi, che incanala e costringe il flusso d'aria a passare sul Fadalto.

                            La cosa non è affatto semplice, non è sufficiente fare delle osservazioni per poi generalizzarle e prevedere al 100% il vento al Lago. Assolutamente no, a meno di non disporre di una rete fittissima di rilevatori e la conoscenza dettagliata del modello matematico relativo alla zona.
                            E' possibile però verificare la presenza di determinate condizioni che non andranno ad interferire con il vento termico, ed è quello che facciamo tutti.
                            Tutto qui. Adesso basta che mi sono stufato.
                            Un bacione anche a te, e ci vediamo sabato sul Nevegal!

                            #4332
                            guelfo
                            Partecipante
                            • Disciplina preferita:

                              ottimo sonico

                              vedi che da uno scherzo puo' nascere sia l'amore
                              che un ottima dissertazione sul meteo e i fenomeni eolici connessi
                              e…divertendoci.

                              bravissimo si portami la daniela che ci occupiamo di lei…
                              ciaooo

                              #4333
                              triplo
                              Partecipante
                              • Disciplina preferita:

                                Complimenti a Sonico e zizza per le loro approfondite spiegazioni dei fenomeni meteo ventosi, ma senza farla così dificile i vecchi del lago dicono che "quando il Nevegal gà el capeo o se brutto o se beo" e indovinano sempre!!!!

                                #4335
                                fabio
                                Partecipante
                                • Disciplina preferita:

                                  GRANDE SONICO …..

                                  non avevo dubbi sulle tue conoscenze!

                                  Ciao

                                Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 32 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.