phil

Risposte nei forum create

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 118 totali)
  • Autore
    Post
  • in risposta a: Prima volta in Sacca Scardovari #14250
    phil
    Partecipante
    • Disciplina preferita:

      Grande Andrea, ieri tantissima gente (mai vista così tanta da due anni a sta parte), ad un certo punto non era più molto gestibile coi nostri "tavoloni" tuttavia dalle 11 alle 13 è stato il top secondo me…e le mie capacità.
      Poi il vento è cresciuto tanto ma poi è calato di brutto, poi pioggia, poi…sono andato via perché ormai avevo "dato" e col raffreddore che avevo ancora facevo fatica a respirare e le gambe iniziavano ad avere i crampi.
      Io con la 4,7 "old style" andavo bene planante finché non è diventata ad u certo punto pure "troppa", ma la Sacca è bella perché, a seconda del vento, va bene per tutti: freestyle , slalom, freeride…e chissà perché no, windfoil prossimamente.
      Capitolo uscita in acqua: ieri è stato un "lusso per tutti", la marea era così alta che l'acqua era abbondantemente sopra la cordigliera degli scogli, solo i "pro" hanno beccato pure il varco giusto segnato dalla bottiglia galleggiante (che ieri era inevitabilmente sott'acqua), tuttavia anche con pinna lunga non c'era il rischio di toccarli, per cui "partire dalla spiaggia" è stato pure figo… più "comica" era la situazione di portare l'attrezzatura in acqua, il passaggio tra erba, sassi e fango stile "Vietnam" era scivolosissimo e abbiamo fatto un po' tutti delle gran scivolate 🙂
      Tuttavia in condizioni "normali" occorre stare attenti agli scogli e cercare sempre il varco giusto

      in risposta a: Sacca di Scardovari e Canarin #14231
      phil
      Partecipante
      • Disciplina preferita:

        Bravo Eddy e bravissimo Mattia! Avete conosciuto la Sacca in una giornata non certo facile, era più da est e con il levante si alza un discreto chop che non è semplice da affrontare, però ve la siete cavata bene.
        Purtroppo qualche danno alla tavola è il dazio che si paga nell'uscita tra gli scogli, fortunatamente abbiamo rimesso la bottiglia galleggiante che si era persa nei mesi scorsi, perché senza di quella, a meno di non conoscere lo spot come le vostre tasche, è difficile centrare il buco, sia in uscita ma peggio al rientro… comunque tutto si aggiusta! E mi fa piacere che hai visto pure lo.spot del Canarin, da tenere ben presente con bora e levante, lì pericoli zero e acqua superflat.
        Dai, vi aspetto presto in Sacca

        in risposta a: Lago Morto 27.06.19 …. #14176
        phil
        Partecipante
        • Disciplina preferita:

          Livia, che dire, hai fatto centro! Complimenti a te e ai tuoi progressi… a luglio verrò anch'io a trovare il Morto, possibilmente da abbinare al Croce al pomeriggio vista la distanza che mi separa, e speriamo di trovare buone giornate ventose!
          P.s. perfino il cappuccino ti ha "sorriso" oggi 🙂

          in risposta a: …Irombeach…il top spot per… #14152
          phil
          Partecipante
          • Disciplina preferita:

            Andrea non vedo i piedi dentro alle straps però

            in risposta a: 2019. 02.23 + 24 Termoli… Jump and fly #14120
            phil
            Partecipante
            • Disciplina preferita:

              Livia non trovo sbagliato il tuo ragionamento. Gli sbalzi termici non vanno mai bene, specie se dal caldo passiamo al freddo, tuttavia si evince una cosa importante dalla tua esperienza, ossia che c'è muta e muta.
              Ci sono.mute qualitativamente superiori ad altre per cui anche il millimetro in meno non influisce necessariamente.
              Sulla libertà di movimento mi trovi concorde perché io stesso a novembre per l'acquisto della muta invernale ero in dubbio tra una 6/4 della Ion e una 5/4 della Vissla, ebbene ho optato per la seconda perché, pur avendo uno spessore leggermente inferiore, mi sentivo molto.più libero nei movimenti, mentre la Ion mi dava un senso di costrizione che di certo avrei pagato in termini di circolazione sanguigna.
              Devo dire che dopo aver surfato a Conche e al Canarin tra gennaio e febbraio dove lì l'acqua è notoriamente "bella fresca" posso tranquillamente affermare di aver fatto la scelta giusta.

              in risposta a: Work in progress #14103
              phil
              Partecipante
              • Disciplina preferita:

                Bella domanda Livia… il mio primo obiettivo è sicuramente imparare la partenza dall'acqua, poi ovviamente, agganciandomi a cio' che sto facendo ora, prendere sempre più confidenza con planate, virate e strambate.

                in risposta a: Conche 18/01/19 #14079
                phil
                Partecipante
                • Disciplina preferita:

                  Anche senza foto Livia, molto semplicemente, indossare ai piedi un paio di calze/calzini/calzettoni di spugna tipo quelli che si usano quando mettiamo le scarpe da tennis, e poi infilare i calzari 🙂

                  in risposta a: Cape Town #14072
                  phil
                  Partecipante
                  • Disciplina preferita:

                    Grande Livia! Il tuo percorso, iniziato solo 3 anni fa col tavolone 190 litri in macchina da tuo papà, ha avuto una grande evoluzione, e per me, leggere di ciò che hai fatto in questi viaggi, ma soprattutto quest'ultimo in Sudafrica mi fa capire che con l'impegno e la costanza i risultati arrivano, anche se, mi complimento davvero con te per quel coraggio che, pur col dovuto rispetto per la natura, a quanto pare non ti manca mai !!! 😉

                    in risposta a: Awiv 2018… sorrisi da windsurf #14053
                    phil
                    Partecipante
                    • Disciplina preferita:

                      Che belle foto Livia, il tuo post mi ha fatto commuovere davvero. La magia del windsurf è proprio questa, un misto di progressione e una condivisione speciale con gli altri surfer, perché se in acqua c'è chi è più bravo e chi meno, fuori dall'acqua abbiamo tutti lo stesso comune denominatore.

                      in risposta a: Jericocoara… #14050
                      phil
                      Partecipante
                      • Disciplina preferita:

                        Livia come sempre top reportage specie perché si tratta di una meta "esotica" e la curiosità di conoscere esperienze di questo tipo è tanta. Però una cosa non ho capito, tu l'attrezzatura l'avevi portata da casa o noleggiata là?

                        in risposta a: Si plana… #14036
                        phil
                        Partecipante
                        • Disciplina preferita:

                          Andrea io porto avanti la vela e spingo col piede vicino all'albero per buttare la tavola al lasco, però quando sento che sto lascando apro leggermente la vela in modo che il vento entri "giusto" sulla vela secondo l'andatura del lasco… certo non apro tutta la vela, apro quel tanto che basta per sentire che c'e' la spinta… quando parto in planata poi cazzo la vela. Certo come dici tu e' sul campo che bisogna verificare e tentare finché non si trova il "mood" giusto.

                          in risposta a: Si plana… #14033
                          phil
                          Partecipante
                          • Disciplina preferita:

                            Diciamo che dopo tutti questi interventi la cosa certa è che…le brioche del bar sulla Romea sono imbattibili, per voi che venite dal veneziano verso sud sono una tappa "obbligata"

                            in risposta a: Canarin 01/11/18 #14012
                            phil
                            Partecipante
                            • Disciplina preferita:

                              ….e spero anch'io Andrea di rivederci in acqua e fare dei bei bordi insieme

                              in risposta a: Canarin 01/11/18 #14011
                              phil
                              Partecipante
                              • Disciplina preferita:

                                Andrea per il Canarin occorre innanzitutto verificare la marea, fa fede ovviamente il bollettino maree di Venezia, se è almeno 20 cm si può andare , se è al di sotto no.
                                Discorso pinne: io solitamente al Canarin monto la pinna da 25 cm ma in condizioni tipo quelle di domenica e di oggi sono sceso con la pinna di "serie" da 42 cm per due motivi, il primo perché c'era la marea veramente molto alta, il secondo perché con vento così sostenuto di scirocco la Sacca del Canarin non riesce a "svuotarsi" in mare.
                                Per i venti di solito è consigliato con bora e levante ma proprio in questi giorni ho scoperto (su consiglio dei più grandi) che si può correre anche col sud/est e sud/ovest, anche se da noi con questi ultimi venti la maggioranza (io compreso) va a correre nella vicina Sacca di Scardovari che dà la possibilità di fare bordi molto più lunghi.
                                Non ci sono problemi di pescatori e reti, giusto qualche palo piantato ma visibile, però mi aggancio al discorso di cui sopra ossia che il "punto debole" rispetto per esempio alla Sacca Scardovari è che non permette bordi lunghissimi.
                                Dopodiché tutto è relativo, per chi deve imparare il bordo "infinito" non è basilare, però vuoi mettere il fatto di poter entrare comodamente in acqua senza ingombri particolari e avere uno specchio d'acqua che in caso di difficoltà ti consenta di tornare a casa a piedi?
                                Per cui lo consiglio a tutti i freestyler o surfer in evoluzione, forse solo lo slalomaro più incallito può non trovare grande appagamento.
                                Se poi si digita in internet "wisuki canarin" si avranno le previsioni di vento riferite proprio allo spot del Canarin, di solito è davvero molto attendibile.

                                in risposta a: Canarin 01/11/18 #14007
                                phil
                                Partecipante
                                • Disciplina preferita:

                                  Grazie Guelfo! dunque, diciamo che proprio piatto non era, però era un chop tutto sommato abbastanza contenuto, direi che con tutto il vento che c'era quello del chop per me era il fastidio minore, o comunque diciamo che, viste le condizioni, il "choppetto" che c'era era inevitabile. Gli altri due surfer ho visto che comunque facevano freestyle per cui diciamo che le condizioni per fare manovre c'erano.
                                  Ho scoperto comunque che si può correre lì anche con il sud-ovest (side off) e allora si che le condizioni rimangono di acqua piattissima, un pò come quello che succede in Sacca di Scardovari quando si corre con la bora.
                                  A presto in acqua Guelfo !

                                Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 118 totali)

                                Chat

                                • riky 8 Marzo 2021
                                  Auguri a tutte le donne!
                                • riky 8 Marzo 2021
                                  Sabato scorso ottimo Conche anche se con la marea molto bassa, domenica lago di santa Croce un po freschino!!
                                • Rix 5 Marzo 2021
                                  Nuovo weekend nuovo vento!! Sabato mattina bora da prendere in laguna. Alla grande!!
                                • riky 26 Febbraio 2021
                                  Con un weekend così caldo dove consigliate di andare???
                                • Rix 7 Febbraio 2021
                                  Caorle