Menù Principale
Online
Ospiti: 13
Utenti: 0
In questa pagina: 1
Totale: 510, Ultimo: RIXprova
Compleanni oggi:
Nessun compleanno oggi

Prossimi compleanni
23/04 SebaVannini (26)
24/04 Alecele (51)
25/04 paolo (60)
Chat Box
You must be logged in to post comments on this site - please either log in or if you are not registered click here to signup

bullet Livia
[20 Apr : 07:30]
Ricevo notizie da Fuerte da parte del nostro Daniele che è persino dovuto uscire con la 3,7!!! Ne avrà da raccontare al ritorno!!!!!! Hang loooooooossssse!!!!🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙
bullet Livia
[20 Apr : 00:03]
Gianni , dai che ogni tanto succede. Sei un campione comunque, dal momento che non hai desistito e sei stato in acqua. Verso metà Maggio ci facciamo una bella uscita al Pier. Oggi Croce per me odioso. Domenica sembra sarà bello.
bullet andreaa
[19 Apr : 22:20]
grande Gianni!
bullet phil
[19 Apr : 06:18]
Eh eh eh...dai Gianni, tutta "esperienza"... vedrai che la prossima volta i guanti non li dimentichi più
bullet nonno gianni
[18 Apr : 22:17]
Oggi prima uscita al Garda, ora ottima e abbondante, acqua freddina e mani ghiacciate perché per avere un (colpo de mona) più de Phil i guanti nuovi di palla erano a casa E cosi Phil siamo 2 a1 ciao a tutti
bullet Livia
[17 Apr : 08:55]
Fagiani all’Irom ed abbozzi di gecko al Morto all’alba.
bullet ASD ZizzaStyle
[16 Apr : 21:57]
video su incontri particolari all'irombeach https://youtu.be/ruKNeQbyXac
bullet Livia
[15 Apr : 23:26]
😊😊😊😊😊😊bello!!!!!! 🤙🤙🤙🤙🤙
bullet phil
[15 Apr : 21:17]
Esaaatto

Forum
Dove eravamo rimasti?
Amministratore
Fri Sep 29 2006, 11:38AM


Amministratore
messaggi: 118
Registrato il: Thu Jun 01 2006, 01:29PM
{LOCATION}

Dove eravamo rimasti?....dunque senza ripetermi vi dirò di come la vedo io, il surf e le sue problematiche.
Per chi è esperto non è detto che la veda come me, ma così è la vita.
All'inizio il surf è entusiasmante,questo dopo le prime planate, ovvio, vedere gli altri che sfrecciano nell'acqua e..magari saltano atterrando in piedi un forward, dà entusiasmo, la voglia di arrivare anche noi fino a lì, talvolta li vedi baciarsi tra di loro....e questo lascia sgomenti, e pensi "non sono normali" ! avete ragione è l'effetto dell'adrenalina, essa porta a superare certi "limiti" peccato non ci siano in giro molte surfiste...io tendo a baciare tutte quelle che mi capitano a tiro! ma talvolta mi sbaglio, vero diego?
Tutto questo per dire...ok vi piace questo sport, bene ragionate prima di comprare tutto quello che vi propongono, cercate qualche persona seria oppure provate a leggere quello che scriverò, lo dedico ai nuovi amici spero di essere illuminante.
Una premessa, un'altra?, tutti i libri di surf e tutte le indicazioni riguardo alle attrezzature sono legate al peso del surfer, circa 75 kg, ognuno deve valutare questo dato, è importante. resto dell'idea che all'inizio meno roba si ha, meno si corre il rischio di sbagliare, se riuscite ad avere 2 3 vele siete a posto, anche 2 se ben scelte possono bastare, saranno i vostri progressi a spingervi all'acquisto. davvero direi che i primi 2 anni basta una tavola un albero ed un boma, e gia avrete speso abbastanza, se trovate una vela da 6 6.2 max e una vela sui5 5.2 che montino un albero 4,30 ci siamo, per il boma non c'è problema da 1,60 2,10 di estensione va bene, ue non sto leggendo la bibbia sicchè datemi modo di corregermi , eventualmente.....see you next!

Il Guru Guelfin's

Ciao, l'Amministratore di Awiv.it
ASD ZizzaStyle
Fri Sep 29 2006, 03:56PM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
ciao a tutti, ho fatto una riflessione nuova, pensando su cosa scrivere; tutto sommato una volta che abbiamo una tavola se è una ,buona tavola, non è molto difficile trovare una buona regolazione, se ha il power box per la pinna poi abbiamo solo 2 parametri su cui agire, straps scassa d'albero, o bè possiamo inchiodare una tavola se li canniamo di brutto, certo. una volta era facile straps avanzate planata anticipata ma anche tavola lenta e..poco reattiva, l'esatto contrario nel caso di straps arretrate, io suggerisco di osservare la tavola che abbiamo e di partire da una posizione centrale, i tasselli ci portano a mettere le straps in parallelo , quindi se davanti siamo al terzo tassello per la strap posteriore va bene lo stesso. io noto che le tavole freestyle di nouva generazione, hanno ulteriormente spostato indietro i volumi, questo porterebbe a pensare di dover arretrare tutti gli assetti, eppure guardatevi intorno molti stanno avanzando le straps....non ne sono sicuro ma ,anch'io sto facendo così però,mi sembra che cio' aiuta ad atterrare le rotazioni con il peso più centrale, atterrare con il corpo arretrato non aiuta a chiudere le manovre, poco ma sicuro. aloha!

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Sat Sep 30 2006, 07:45AM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
però riflettendo si potrebbe scrivere un trattato sulle straps...scherzo! in tutti questi anni sulla regolazione ho visto di tutto,gente che ci infila solo le dita a gente che ci entra quasi alla caviglia; la regola base resta che dovreste entrarci fino a vedere "bene" le dita dall'altra parte; io ci entro fino a metà, si le tengo larghe..ma perchè? quando devo salatre e voglio ruotare in aria, infilo per bene i piedi e,di solito non perdo la tavola, se qualcosa va storto di solito una leggera trazione ed i piedi si sfilano ..facilmente. questo è un dato dolente del surf perchè capirete che se si sfila un solo piede e state in torsione...mica è bello, no non è un elemento banale! diciamo che si ci entrate troppo, fino alla caviglia il rischio aumenta, su una rivista ho letto ahe johsh stone viaggia così! ci sono in giro tavole che hanno due viti per tassello, normalmente è una sola, sicuramente le straps rimagono meglio ancorate alla tavola, e non risentono delle torsioni....ma io preferisco che la torsione la "subisca" la straps che non la caviglia, detto questo ok, non abbiate paura delle straps comincere a fare surf solo quando ci infilerete i piedi dentro credetemi alhoa

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Sun Oct 01 2006, 10:38AM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
ok io penso di aver finito, il resto lo dà la pratica in acqua.....sempre scarsa qui a venezia, ma il surf lo intendo come momento di svago,ora..., quindi la ricerca spasmodica del vento non lo è, per me ovvio, ragazzi cercate di regolare le vostre vele, non temete di esagerare con il caricabasso, come vi ho gia detto..per il resto a vostra disposizione; ascoltate i consigli di tutti,poi metteteli alla prova e...cercate di sentire la forza del vento, ben centrata nelle vostre mani..è l'unica cosa che conta, ma sopratutto ascoltate il vostro corpo, non strafate aloha ciao...

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Mon Oct 02 2006, 03:20PM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
va ben anche in base alle richieste faccio un'aggiunta. sempre la vela...ufff direi che una volta che rispettiamo al millimetro, le misure indicate siamo ad un passo da un buon trim,a questo punto se in regoliamo bene la posizione delle cime del trapezio va tutto a..farsi friggere; e si perche il le cimette vanno centrate in funzione del centro di spinta,il centro velico insomma, questo si puo individuar anche a terra, ma va verificato in acqua, insomma se tenete la vela a terra ,al vento, e viagganciate fate in modo che togliendo le mani,con vento costante, la vela rimanga ferma, se tira verso la bugna o verso l'albero dovete spostare le cimette di conseguenza.. fino a che questa rimane in equibrio. in altre parole immaginate il boma come un'asta dovete fare in modo che i pesi alle estrmità siano equivalenti...alhoa!

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Tue Oct 03 2006, 09:25PM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
bene io direi questo, a volte le nostre sensazioni ci possono portare a conclusioni affrettate, il modo operandi corretto, è di variare un parametro alla volta, verificarlo in svariate condizioni, e trovare il tempo di farsi un diario delle proprie uscite, lo spot le vele usate, la direzione, e un breve commento di come è andata, è assurdo? liberi di pensarlo, ma mi è stato utile per far mente locale alle problematiche e alle varie soluzioni apportate, cercare di mettere ordine ai nostri ricordi può essere un modo per ridefinire, poderare, e mediare, tutte le "monate" che diciamo , a caldo, quando ci confrontiamo con gli altri...e io ne dico tante ahimè io oggi in laguna ho parlato con un amico, bene sabato , al lago, la sua tavola non andava, fanatic skate102, oggi ha arretrato il track e tutto ok, se la cosa si conferma, ecco una ulteriore prova che le moderne tavole freestyle, con volumi arretrati. richiede un assetto arretrato, ma non le straps. bè vedremo se tutto questo è oggettivamente corretto. aloha!

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Sat Oct 07 2006, 09:10AM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
lunghezza dei cordini del trapezio...... ( nel corso degli anni ho fatto diverse esperienze, le mode, ovvero l'evoluzione, ha portato a diverse soluzioni, quindi io dico che almeno si deve partire dal fatto che se mettete la mano sul boma ,tra i cordino ,cimette, questa non deve superare la lunghezza del vostro gomito; chiaro che la lunghezza del nostro arto è un dato di partenza oggettivo, mediamente da 26 cm., certamente si può arrivare a 22 a parità di lunghezza dell'avambraccio, una cosa su cui molti nuovi amici surfisti sbagliano è proprio la lunghezza eccessiva, il rischio è di fare fatica a planare o comunque di assumere una posizione "arcuata" proprio perchè c'è troppa distanza tra noi e la vela, inoltre si fatica a tenere la vela chiusa sulla tavola. questo di cui parlo non è un dettaglio secondario, anzi... me ne accorgo spesso quando il gancio delk trapezio si alluga, quando il trapezio sale molto oltre il bacino, mi accorgo di quanta più fatica faccio nel planare o bolinare, io ho visto molte persone non correre,bene, proprio perchè non curano questi "dettagli", non so se sono riuscito a "spiegarmi" bene, immagnate le cimette del trapezio come un elemento ( elastico) tra voi e la vela, maggiore la sua lunghezza=maggiore elasticità, quindi inversamente trasmetterete meno potenza alla tavola, insomma il vostri impulsi saranna meno efficaci perchè ammortizzati, dovete riuscire ad essere più fermi possibili quindi rigidi,allora tutta la potenza che viviene dalla vela arriverà alla tavola, maggior velocità, e però meno fatica, ecco perche per le manovre è meglio staccarsi prima dal trapezio, in planata siamo un elemento "rigido" ma per le manovre siamo l'elemento "dinamico" aloha

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Mon Oct 09 2006, 06:52PM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
Volevo scrivere di un episodio di 2 anni fa, certo adesso tutti, più o meno.usiamo il trapezio wave a fascia, mi capitato di romperlo a vieste con diego , ho "dovuto" noleggiarne uno da slalom, non ricirdavo di quanto fosse comodi,sedersi, in planata..ogni tanto mi sorge il dubbio che con qualche miglioria potrebbero tornare in uso anche per le manovre, inlotre quelli a fascia comprimono molto le costole, certo la posizione eretta che si assume è più elegante, mah ! un giorno ne provo un'altro alla prossima !

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Tue Oct 10 2006, 09:10PM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
CHE TIPO DI VELA PRENDERE... mi sento di poter dire la mia, queste cose le scrive pensando a chi fosse agli inizi, torno indietro alla fina degli anni 80 ricordo che in quel periodo era alta la febbre della velocità. tutti più o meno ci siamo trovati fra lemani una vela con i CAMBER ; rinuncio a descriverli c'è ancora gente che pensa che con queste vele si plana prima..senza mezzi termini vi garantisco che non è così, in termini di penetrazione aereodimica e capacita della vela di non "perdere" il profilo,leggi centro di spinta, ok, ma quale prezzo! non solo economico ma di maneggevolezza e fun! divertimento si pagava. io ne ho avuta una l'ho tenuta per un anno e mezzo...troppo, nel giugno del 93 torno dal garda con una 5,8 da wave mitica gaastra MW5 il nostro presidente la ricorda bene fui preso unpò per pazzo tra i "ragazzi" dell'irom a quel tempo. tuti pensarono che non avrei potuto planare con una vela ,cosi piccola e senza camber. fu un successo una scommessa vinta contro l'imperante sistema, molti sorrideranno, so di non essere il depositore della verità ,ci mancherebbe, eppure ricordo bene lo stupore alle prime uscite solo per il fatto che planavo come e forse meglio delle vele race in voga. ma perchè avevo fatto ciò, presto detto correre sempre più veloci non mi appagava più, inoltre il fattore "materiali" SEMPRE PIù COSTOSI era contro il mio modo di vedere, tutto là volevo divertirmi per quello che sapevo tirar fuori dal mio impegno che superere gli amici perchè avevo l'albero con più carbonio..ecc ecc. ecco perchè cosa voglio dire adesso, se siete all'inizio comprate solo vele senza camber imparate la tecnica della planata la strmabata power la partenza dall'acqua, e venite a sottomarina...poi decidete se dedicarvi alla velocità.....o.....immaginate voi aloha!

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
Amministratore
Thu Oct 12 2006, 08:32AM


Amministratore
messaggi: 118
Registrato il: Thu Jun 01 2006, 01:29PM
{LOCATION}

Hai proprio ragione, le vele camber erano un disastro: per montarle si porconava se per caso dimenticavi od usciva un camber, bisognava dare dei bei colpi per cambiare mura, per chi iniziava erano decisamente sconsigliate...ma ora mi chiedo: ne vendono ancora??????


Ciao, l'Amministratore di Awiv.it
ASD ZizzaStyle
Sun Oct 15 2006, 08:55PM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
SI VELE CAMBERATE na vemdono ancora, nei cataloghi si trovano ancora, è una nicchia del mercato.....però la velocità dà sempre emozione quindi non demonizziamola vi siete mai chiesti come tirare il caricabasso senza sforzi sovrumani. il nostro gigi poi ne avrebbe bisogno! io suggrisco due cose, tenete la vostra cima del caricabasso sempre pulita! fa ridire? a me no ogni tanto cerco di lasciare i piedini e cimette a bagno con ammorbidente per la nottata, ho scoperto che il sale il calcare le irrigidiscono, risultato scorrono meno ed aumentano la fatica, secondo suggerimento cambiatele spesso...provate e.. rimarrtete stupiti di quanta fatici in meno si fà auguro a tutti tanto vento ne abbiamo bisogno che bello ieri l'irom quanti volti nuovi e quanti vecchi amici in acqua!! aloha

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
Amministratore
Thu Oct 19 2006, 11:55AM


Amministratore
messaggi: 118
Registrato il: Thu Jun 01 2006, 01:29PM
{LOCATION}

Woolite, ne sapevo di trucchetti ma questo poi....
Quindi mi dici che per 'ammorbidire' le cime del caricbasso devo usarlo...un pò come fa questa surfista?
http://blogsimages.skynet.be/images_v2/002/534/989/20060328/dyn003_original_600_448_jpeg_2534989_9529997a6d76d452f32129cdd83d79eb.jpg

Ciao, l'Amministratore di Awiv.it
ASD ZizzaStyle
Sat Oct 21 2006, 08:09AM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
consentitemi un tuffo nel passato, come ho già detto bello l'entusiasmo dei nuovi surfer, però belli anche i primi tempi..quante teorie sui venti che ci profetizzava il servizio meteo nazionale..internet..da anni non vinceva coppe internazionali.. come adesso . no non esisteva ! però si era consapevoli di essere partecipi dell'evoluzione dello sport, non che adesso non ci sia un'evoluzione, ma allora si aveva l'impressione trovarsi qualcosa di rivoluzionario tra le mani...invece era un oggetto pericoloso, vedi alberi in alluminio..tavole con volumi variabili..leggi delaminazioni totali..al sole si trasformavano in buffi wusterl ma davvero c'è un dato oggettivo c'era più vento e sopratuttto all'irom beach..chi non ricorda le sciroccate di ottobre con la 4 in laguna! o bè lo scirocco c'è ancora..ma sta fuori va in istria poi si tuffa a volte a caorle ,posto di cui mi fido poco, a volte ruota a nordetst e allora...sono tra pochi fortunati dello scorso 27 novembre..abbiamo visto maui per quasi 3 ore! chi c'era sa che è così "l'esempio calza" -direbbe l'eletto Neo in matrix 1- ricordo celin fabio io e biondani con cui ci siamo baciati per quello che ci era successo..ricordo quell'onda presa insieme ci siamo fatti 6 7 bottom incrociandoci all perfezione ci siamo sentiti uniti entrambi in un evento unico e irripetibile e lui lo sa, è cambiato qualcosa tra noi da allora..o intendiamoci io sono il solito mediocre surfista ma quel giorno eravamo uguali io ho spinto al massimo ed anche biondani si su quell'onda ervamo alla pari e felici auguro a tutti una cosa del genere perchè non ci sia rivalità tra noi ma fratellanza. aloha

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Sun Oct 29 2006, 07:23PM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
PROVIAMO LA STRAMBATA POWER difficile da spiegare e anche da fare!? non sia mai detto, la strambata power è la base del surf assieme al partenza dall'acqua, quindi si deve già saper planare con i piedi nelle straps, se servirà ne parleremo. il mio consiglio è questo: direi di impostarla al traverso, con una buona velocità, non al massimo però,agli inizi ovvio , ora una volta sganciati dal trapezio sfilate il piede posteriore dalla straps, l'altro resta lì ok! immagino abbiate capito che dovete premere con il piede post. sul bordo sottovento della tavola, ok fatelo, la tavola comincerà a girare...ora una cosa importamte che dovete fare è portarvi in avanti con ilcorpo cioè cercate di avere la testa vicino all'albero...in altre parole non dovete arretrare il peso e dovete aprire la vela abbastanza in fretta quindi lasciate il boma con la mano di bugna....prima lo fate meglio è se non arretrerete la tavola girerà da sola ed anche la vela, prenderla dall'altra parte e sfilare il piede rimasto nella straps non sarà difficile inltre queste fasi si posson imparare anche quando non si plana, in modo di creare un automatismo nel movimento....ripeto secondo me il segreto è portare il peso in AVANTI ..TESTA AVANTI e LASCIARE LA BUGNA presto e prima di quanto crediate. al garda gli istruttori pretendono che la si impari rimanedo con un sola mano sul boma già a metà curva...ok...e poi prendere tanto vento e smettere di virare perchjè si è più sicuri!! direi che se sapete sciare dovreste capire che arretrare con il corpo significa NON GIRARE alhoa

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
ASD ZizzaStyle
Fri Nov 03 2006, 03:23PM


nel vento il suono della poesia
messaggi: 2463
Registrato il: Thu Jun 22 2006, 09:43PM
{LOCATION}
Utenti Registrati #47
LA PLANATA una buona definizione ,non troppo tecnica, della planata è il momento in cui la velocità della tavola è tale che, questa supera l'onda che genera e la lascia dietro di sè. sembra complicato ma se ci pensate , non poi tanto, le tecniche di pompaggio, cioè l'arte di ,remare nell'aria con lavela, non è da tutti penso che massimiliano ,maci, sia uno dei migliori ma una volta in planata, bisogna saperla mantenere ci sto pensando, ma con le parole non è facile daspiegare, posso cercare di farvi capire una cosa, il surfer ha 3 piedi...esatto 3 , due ,che ha sempre appresso , e...il piede d'albero, dovete sempre dosare il vostro peso tra queste componenti, più vento avete meno sarà necessario che ,tramite le mani e il trapezio, scarichiate il pese sul piede d'albero; vice..serva..con poco vento togliete peso alle vostre estremità inferiori, inclinatevi in avanti disegnando una ..diagonale , con il corpo, dalle straps all'albero, ma sopratuttto date più peso al piede d'albero!! insomma la tavola va tenuta bella dritta sull'acqua e non affonderà sotto il vostro peso....sopratutto se state troppo appoppati, lo so queste cose possono annoiare, ma son le fondamenta per chi volesse imparere questo sport....e...nessuno nasce imparato alhoa

P 7 !

Istruttore Wind Surf Sup
CSEN / Coni

ZizzaStyle....corsi Base A1 & A 2

****************************
Vai a pagina  [1] 2  

Salta:     Torna ad inizio pagina

Benvenuto
Nome di Login:

Password:



[ ]
[ ]
Come arrivare ad Irom Beach


Percorrete Via Martiri della Libertà in direzione Venezia, superate sulla vostra destra la Fincantieri e il Centro Vega. Appena superato il sovrappasso pedonale (in vetro-plexiglass di recente costruzione) girate subito a destra imboccando via dei Petroli. La percorrete per circa 800 metri e siete arrivati all'Irom beach. Aprite il cancello (è necessario essere soci per accedere all'area) e ...buona surfata.
Rilevazioni Windfinder
Previsione Marea
EoloNordEst
News del 2018
LuMaMeGiVeSaDo
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30 
Feed RSS
Le news possono essere distribuite con sistema RSS.
rss1.0
rss2.0
rdf
Direttivo 2018-2019
IL DIRETTIVO


Il Consiglio Direttivo 2018-2019 dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Windsurf IromBeach Venezia,
è così composto:


Gianpaolo Picchi /// Presidente
-
Achille Burdi /// Vicepresidente
-
Riccardo Bandera /// Segretario
-
Franco Fabbro /// Pubbliche Relazioni
-
Diego Irrera /// Tesoriere
-
Gabriella D’Este /// Consigliere
-
Tommaso Menin /// Consigliere
-
Luigi Nordio /// Consigliere aggiunti
-
Guelfo Bottacin /// Consigliere aggiunti



Realizzazione Awiv Admin 2010(c)
e107, rilasciato sotto licenza GNU GPL.